window.dataLayer = window.dataLayer || []; function gtag(){dataLayer.push(arguments);} gtag('js', new Date()); gtag('config', 'UA-116920900-1', { 'anonymize_ip': true });

Le carte sempre presenti

Bethli Bicker di Grabs prende regolarmente parte ai tornei di Jass da oltre 10 anni. Abbiamo intervistato la signora Bicker in merito alla sua passione.

Qual è il motivo per cui da più di 10 anni continua a voler partecipare ai tornei di Jass nel centro commerciale?
Da quando sono in pensione e mio marito è morto, lo Jass è diventato il mio grande hobby. In particolare il torneo qui è una cosa bellissima. Insieme al Buurezmorge è un’occasione bella e piacevole.

Qual è il posto in cui le piace giocare di più a Jass?
A Jass gioco molto e regolarmente. Almeno due o tre volte alla settimana giochiamo una partita di Jass con i miei conoscenti. È che ci divertiamo a giocare a carte.
Sono sempre in giro per i tornei di Jass. Rende felici e fa così bene.

Che cosa associa allo Jass?
La compagnia, il divertimento nel giocare e la sfida alla memoria sono la particolarità dello Jass. Si immagini, allo Jass abbiamo una giocatrice di 93 anni e questa donna conosce ogni carta fino alla fine di ogni partita – vediamo se c’è qualcuno capace di fare come lei. Per me è il mio modo di fare sport, perché dopo un’operazione alla schiena purtroppo non posso più permettermi di giocare a tennis. Fortunatamente ho riscoperto lo Jass. Quando eravamo piccoli avevamo lo Jass, il gioco del Mulino e il gioco da tavola <> per passare insieme il tempo. Ora trasmetto questo entusiasmo per i giochi anche ai miei nipoti.
Lo Jass fa semplicemente parte di me: le carte da Jass trovano posto in ogni tasca e io le ho sempre con me. Così siamo riusciti a riempire già alcune ore nel modo migliore possibile.

E il suo trucco personale? C’è un segreto?
Quando si gioca a Jass non si possono applicare strategie personali perché gli avversari sono sempre diversi. Io resto semplicemente fedele al mio modo di giocare e so che mi devo preparare particolarmente bene ad affrontare gli «avversari». Fino ad oggi questo mi ha permesso di gioire quando vincevo. La cosa importante è che «quando gioco a Jass devo fare sempre molta attenzione!».

By |2018-04-03T14:02:25+00:00giovedì, 15. Marzo 2018|Interview, Non categorizzato|0 Commenti